Banner

postheadericon La rinnovata ISM Gradisca martedi in amichevole a Gradisca contro gli Juniores della Triestina

logoismtriestinaLavori in corso all'ISM Gradisca. La compagine gradiscana si accinge ad entrare nella terza settimana di preparazione in vista del debutto ufficiale in stagione, quello di Coppa Italia con doppio confronto contro il Vesna (andata sabato 27 agosto e ritorno sabato 3 settembre) con un volto decisamente rinnovato. Il make up estivo ha comportato la partenza di almeno 8 giocatori importanti – Markic, Arcaba, Sangiovanni, Rodic, Monnels, Furios, Favaro, Appiah e Viel – cui per ora ha fatto da contraltare l'arrivo di una folta nidiata di ragazzi interessanti in quota under. “La filosofia societaria è quella di puntare su ragazzi giovani e la cosa non mi spaventa affatto – commenta il confermato tecnico Luca Lugnan – anche se è chiaro che queste prime settimane  hanno evidenziato che il gruppo di lavoro presenta degli elementi interessanti e di sicura prospettiva, ma va certamente rimpinguato con qualche innesto di esperienza. L'Eccellenza del prossimo anno sarà una vera e propria serie A dei dilettanti, con cinque, sei squadroni in grado di fare corsa a sé e tante squadre che lotteranno per salvarsi. Vogliamo potercela giocare anche noi e la società e il direttore Luxich hanno tutta l'esperienza necessaria per completare la rosa in vista dell'esordio in campionato dell'11 settembre. E' quello – chiarisce subito Lugnan – il nostro vero obbiettivo. La coppa invece sarà un ottimo test per questi ragazzi”. Il tecnico gradese individua in almeno tre settori la necessità di innestare esperienza: al centro della difesa, in mezzo al campo, e davanti. Ulteriori indicazioni arriveranno dall'amichevole in programma martedi al “Colaussi” alle 19 contro gli Juniores della Triestina. Una prima sgambata è stata svolta nei giorni scorsi contro la Pro Romans Medea, con la vittoria di misura di quest'ultima (1-0). Accanto ai confermati  Campanella, Sirach, Savic, Politti, Tonon, Fross, Turchetti e Costantini lavorano con Lugnan moltissimi volti nuovi, quasi tutti in quota under. Fanno eccezione i colpi piu' importanti, quelli che hanno portato in riva all'Isonzo il puntero Cristopher Basso, cividalese classe '93 ex Reggina, Ostuni, Montebelluna e Opitergina, e del centrocampista '94 Nicholas Barreca, prelevato dalla Sanvitese. Interessante anche l'arrivo di Steven Germani, attaccante '98 dall'UFM. Dalla città dei cantieri arrivano anche il portiere Marco Colin ('95) gli esterni '98 Marco Pinzan e Filippo Sturnig, dal Rivignano il difensore (un ritorno, è un '95) Marco De Cecco, dalla Triestina l'attaccante '97 Alberto Volk e dal Sevegliano il centrocampista '96 Andrea Fabro. Da qualche giorno si è aggregato al gruppo anche Gianni Longo: ex giocatore del vivaio biancoblu, esperto difensore classe '81, aveva appeso le scarpette al chiodo intraprendendo la carriera di trainer a Fiumicello. Guiderà la formazione Giovanissimi regionali biancoblu' ma si è rimesso in gioco anche come elemento della prima squadra proprio nella società da cui è partita la sua lunga carriera. 

Ultimo aggiornamento (Domenica 14 Agosto 2016 18:58)

 

postheadericon Stagione al via, l'ISM Gradisca 2016-2017 ha iniziato la preparazione

20160801_191032Riparte dalla certezza rappresentata da mister Luca Lugnan ma con una facciata decisamente rinnovata l'ISM Gradisca 2016-2017. La compagine della Fortezza ha iniziato lunedì la preparazione sotto gli occhi attenti del confermato tecnico gradese e del nuovo vice Riccardo Maschietto, che seguirà anche la formazione Juniores. Tanti, tantissimi i volti nuovi di una squadra che sta prendendo forma dopo un mercato all'insegna della sobrietà. “Il tempo delle spese folli nel calcio è finito da un pezzo – commentano all'unisono il presidente Franco Tonon e il vice Antonio Sangiovanni -. Stiamo allestendo una squadra giovane e affamata, ma con delle qualità. L'obbiettivo è costruire un qualcosa che possa durare a medio, lungo termine. Guardiamo anche al settore giovanile, che deve diventare un serbatoio per la prima squadra. Chiaramente i frutti di un lavoro del genere non si possono vedere subito, ma siamo certi di avere intrapreso la strada giusta e affidandoci a persone competenti. La sinergia con la Cormonese? Per noi le porte rimangono apertissime”. Accanto allo storico direttore generale Eros Luxich, ed al confermato responsabile del settore giovanile Roberto Moretti, ecco allora un decano come Lucio Bortolotti, che dopo la sua esperienza di coordinatore in seno alla Federazione, ricoprirà il ruolo di coordinatore tecnico. Tante le partenze (fra le più significative Markic e Furios al Ronchi, Arcaba dato alla Sanvitese, Sangiovanni all'Isonzo, Viel di rientro nella sua Belluno una volta esauriti gli studi e Rodic ritornato in patria) il compito di centrare la quinta salvezza consecutiva in Eccellenza magari senza i patemi dello scorso anno è affidato a un team piuttosto imberbe ma entusiasta. I senatori diventano i giovanissimi Campanella – capitano in pectore? - Sirach, Savic, Politti, Tonon e Fross. Da definire le posizioni dei difensori Appiah (ha provato con il Grosseto) e Favaro, e del puntero Monnels, che dopo il grave infortunio proverà a ritrovare la condizione ideale svolgendo a Gradisca la lunga riabilitazione. Confermati anche i baby Turchetti e Costantini, due '99. Al momento dunque lavorano con Lugnan moltissimi volti nuovi, quasi tutti in quota under. Fanno eccezione i colpi piu' importanti, quelli che hanno portato in riva all'Isonzo il puntero Cristopher Basso, cividalese classe '93 ex Reggina, Ostuni, Montebelluna e Opitergina, e del centrocampista '94 Nicholas Barreca, prelevato dalla Sanvitese. Interessante anche l'arrivo di Steven Germani, attaccante '98 dall'UFM. Dalla città dei cantieri arrivano anche gli esterni '98 Marco Pinzan e Filippo Sturnig, dal Rivignano il difensore (un ritorno, è un '95) Marco De Cecco, dalla Triestina l'attaccante '97 Alberto Volk e dal Sevegliano il centrocampista '96 Andrea Fabro. Durante la preparazione saranno valutati anche giocatori di proprietà come Budai, Treppo e Bon, oltre che un estremo difensore argentino. “Lavorare con i giovani non mi spaventa, anzi – suona la carica Lugnan -. Hanno fame e voglia di apprendere, l'importante è l'atteggiamento desideroso di migliorarsi. Voglio dare forma a una squadra affamata, da battaglla”. Dal mercato comunque è lecito attendersi ancora dei movimenti. 

 

postheadericon ISM GRADISCA E CORMONESE ASSIEME PER UN PROGETTO A LUNGO TERMINE A LIVELLO GIOVANILE

ismcormoneseISM Gradisca e Cormonese assieme per creare il polo calcistico giovanile piu' importante della Destra Isonzo. Il club biancoblu' e quello grigiorosso superano i campanili al fine di collaborare in maniera stabile e a lungo termine a livello di vivaio. L'ambizioso progetto è stato presentato nei giorni scorsi allo stadio “Colaussi” di Gradisca, alla presenza dei vertici delle due società – il presidente Franco Tonon e il suo vice Antonio Sangiovanni per l'ISM, Marco Skocaj per la Cormonese – con tanto di “benedizione” delle rispettive amministrazioni comunali, vale a dire del sindaco collinare Luciano Patat e dell'assessore gradiscano allo Sport David Cernic, che hanno applaudito l'iniziativa paragonandola a quanto avviene in campo amminisrativo con le Uti. “Il concetto è semplice: Cormonese e Itala San Marco vogliono condividere risorse economiche, strutture e braccia per valorizzare i rispettivi settori giovanili - hanno spiegato Skocaj e Sangiovanni -. E' qualcosa che negli anni hanno provato a fare in tanti: noi siamo convinti che con serietà e trasparenza otterremo dei risultati. Arrancare da soli e andare avanti a tentoni di questi tempi non serve a nulla. Vogliamo condividere le risorse umane ed economiche. L'obbiettivo a lungo termine è quello di riuscire a creare un polo giovanile capace anche di rifornire le rispettive prime squadre con ragazzi locali cresciuti in un vivaio serio e attrezzato. Ciascuno manterrà la propria identità ma costantemente ci scambieremo le idee e condivideremo i risultati del lavoro svolto dai nostri tecnici, che lavoreranno in sinergia”. In questa prima fase del progetto la Cormonese curerà con particolare attenzione l'attività di base (Primi Calci, Pulcini ed Esordienti) creando le fondamenta per il lavoro dell'ISM che dal canto suo puo' far maturare i ragazzi piu' grandi in categorie regionali e dunque stimolanti per la loro crescita. Ma nelle intenzioni la sinergia si concretizzerà a tutti i livelli del vivaio, permettendo alle famiglie di scegliere dove far giocare i propri ragazzi. 

Ultimo aggiornamento (Venerdì 10 Giugno 2016 17:21)

 

postheadericon ISM GRADISCA RIPARTE DALLA CONFERMA DI MISTER LUCA LUGNAN

lugnan

 

L'ISM Gradisca riparte da mister Luca Lugnan. La riconferma del tecnico gradese è il primo tassello della stagione 2016-2017 per il club della Fortezza, che ha scelto dunque la continuità rinnovando la fiducia al trainer che in cinque mesi era riuscito a centrare una salvezza per certi versi miracolosa – la quarta consecutiva degli isontini in Eccellenza – al termine di una lunga rincorsa iniziata a gennaio e culminata nel drammatico ma vittorioso playout di Flaibano, che ha riconfermato l'Itala San Marco come unica rappresentante isontina nella “serie A” dei dilettanti regionali. Lugnan, classe 1969, ex calciatore professionista (bomber con oltre 400 gare fra B e C, vestendo fra gli altri i colori di Udinese, Catanzaro, Catania, Palermo, Prato, Padova) sarà dunque il nocchiero dei biancoblu' anche nella prossima stagione.

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 29 Giugno 2016 17:43)

Leggi tutto...

 

postheadericon Salvezza-ISM, la parola al dg Luxich: "Tutti assieme abbiamo cancellato una stagione assurda"

eros luxichTutti i fantasmi di una stagione maledetta scacciati via in una notte. L'ISM Gradisca esce non solo indenne, ma festante, dalla roulette russa dello spareggio-salvezza con il Flaibano. E puo' festeggiare la quarta salvezza consecutiva – ma senz'ombra di dubbio la piu' difficile - nel campionato di Eccellenza. Un obbiettivo centrato all'ultimissimo giro di giostra, sul filo del rasoio come i tanti spareggi che hanno segnato in positivo gli ultimi trent'anni di storia del club. Spareggi tutti vinti, cinque consecutivamente, che si trattasse di vincere i campionati o di portare in salvo la pellaccia: come a dire che quando la palla fra i piedi è rovente, l'Itala San Marco c'è sempre. E c'è stata anche a Flaibano, nella tana di un'avversaria che aveva a disposizione due risultati su tre, contava sul calore del proprio pubblico, e su precedenti a proprio favore a dir poco schiaccianti: 3 match vinti su 4 in stagione contro i gradiscani, 10 le reti inflitte. Per molti i ragazzi di mister Lugnan sarebbero stati la vittima sacrificale perfetta. E invece, grazie a una prova di cuore e di testa, a quel rigore procurato e trasformato da Sangiovanni e una ripresa di inevitabile ma impagabile sofferenza, rimangono l'unica rappresentante del calcio provinciale nella “serie A” dei dilettanti. Un traguardo che riempie di orgoglio lo storico dirigente Eros Luxich, architetto silenzioso di una delle imprese piu' difficili di sempre della sua lunga vicenda in biancoblu'. “E' stata una serata dolcissima a conclusione di una stagione travagliata, assurda – commenta ancora provato dal match di martedi – nella quale ci è capitato di tutto. Fortuna che la ruota ha girato proprio nel momento cruciale. Ripenso all'incredibile serie di pareggi che ci ha ancorato a lungo nei bassifondi, ai tanti infortuni, ad alcuni cambiamenti di rotta dolorosi ma necessari (leggasi i tre cambi in panchina ndr), alle difficoltà gestionali che affliggono un po' tutte le società sportive. In primis dobbiamo applaudire questi ragazzi – commenta il direttore generale italino – perchè hanno dovuto compiere sacrifici enormi ma non hanno mai mollato. L'altra sera hanno dimostrato, tutti, di valere la categoria. E un plauso va fatto a mister Lugnan. In pochissimo tempo ha saputo fare non solo un lavoro intelligente sul campo, ma anche lavoraremaxresdefault sull'orgoglio dei singoli. I giocatori erano comprensibilmente precipitati in una spirale negativa ed erano disorentati, lui ha saputo farli ridiventare una squadra”. Mantenere l'Eccellenza con risorse risicate è impresa sempre più ardua, e su questo aspetto Luxich rivendica anche i meriti della società. “Per alcuni addetti ai lavori eravamo i primi candidati alla retrocessione già alla prima giornata – si leva un sassolino il dg -. Altri hanno dato al sottoscritto del bollito sul viale del tramonto, e ai nostri massimi dirigenti Tonon e Sangiovanni degli impreparati. Da alcuni palcoscenici tv ci hanno dipinti invece come un club alla deriva. E invece tutti assieme, giocatori e dirigenti, abbiamo dimostrato che la società ISM Gradisca c'è ancora. Certo, si puo' e si deve migliorare. Da una stagione così travagliata abbiamo imparato molto. Ma siamo ancora qui, e ce lo siamo guadagnato. Sudore, sacrifici e tanta sofferenza di tutti sono stati ripagati ”. 

Ultimo aggiornamento (Giovedì 26 Maggio 2016 08:26)

 
Secondo pari interno consecutivo per l'ISM Gradisca
Domenica 24 Settembre 2017
ISM GRADISCA 1 ZAULE 1 MARCATORI: pt 14' Zacchigna, 15' Kalin ISM GRADISCA: Bon, Turchetti, Fernandez, Kalin, Jazbar, Suligoj, D'Aliesio (st 1' Sain,... Leggi tutto...
Primi tre punti stagionali per l'ISM Gradisca: espugnata Cervignano con Suligoj e Campanella
Sabato 16 Settembre 2017
PRO CERVIGNANO 0 ISM GRADISCA 2 MARCATORI: pt 15’ Suligoj, 45’ Campanella (rig.) PRO CERVIGNANO: Zwolf, Paneck, Cocetta (st 22’ Candussi),... Leggi tutto...
Derby scoppiettante, l'ISM targata Zoratti si vede riacciuffare dalla Juventina sul filo di lana
Sabato 09 Settembre 2017
ISM GRADISCA 2 JUVENTINA S.ANDREA 2 MARCATORI: pt 30' Sirach, st 8' Valdiserra, 25' Dornik, 45' Dragoslavljevic ISM GRADISCA: Bon, Turchetti,... Leggi tutto...
AVVICENDAMENTO SULLA PANCHINA DELL'ISM: ARRIVEDERCI COROSU, GIULIANO ZORATTI RITORNA A CASA
Martedì 05 Settembre 2017
Arrivederci Corosu, bentornato “Zorro”. Cambio della guardia sulla panchina dell'Itala San Marco Gradisca ad appena pochi giorni dal... Leggi tutto...
Squadra al lavoro da ieri al "Colaussi". Mister Corosu: "ISM merita rispetto e attenzioni"
Giovedì 03 Agosto 2017
“L'Itala San Marco è una società che per la sua storia e il suo prestigio merita rispetto e attenzione. Anche e soprattutto da parte nostra che... Leggi tutto...
Area utenti