postheadericon MATCH REPORT Bum Bum-Grop, l'Ism Gradisca stende anche la Gemonese e adesso prova la fuga

la gioia di grop

Vola in classifica l'Ism Gradisca, che stronca la Gemonese grazie alla esplosività del suo duo offensivo: la fantasia di Andreolla e lo scatenato fiuto del gol del bomber Grop, che coglie una fantastica tripletta (e fanno 4 centri in 3 gare) in grado di portarlo ai vertici della classifica cannonieri con 11 centri. Ma al vertice c'è tutta la squadra, che grazie a questa vittoria- nono risultato utile consecutivo, il quinto successo filato senza prendere gol - ora sembra voler fare per davvero il vuoto in campionato. Complici i risultati degli altri campi, il vantaggio sulle inseguitrici aumenta a 8 lunghezze sul San Luigi, a 9 sul Fontanafredda e a 10 su Virtus Corno e Manzanese, che ha una gara in meno e che la formazione di Zoratti affronta domenica in una sfida molto importante per le sue ambizioni.

 

GRADISCA D'ISONZO  Out lo squalificato Buzzinelli, Zoratti ripropone il recuperato Ghirardo in regia e i tre rifinitori (Mormile, Andreolla, Rizza) dietro al pivot Grop. Cortiula replica con un 4-4-2 classico nel quale Dalla Torra e Giorgi sono le punte, con Casarsa e Dri chiamati a rifornirli dalle corsie laterali. Inizio un po' sporifero da parte della capolista, mentre i friulani fanno subito sul serio: provvidenziale al 3' l'uscita di Zanier sui piedi di Zucca, bravo a tagliare in area su un lancio dalle retrovie. Replicano gli isontini all'11: errato disimpegno della retroguardia giallorossa e Andreolla guadagna il fondo centrando per Rizza, che da due passi colpisce sporco; Bortoluzzi smanaccia in corner. Sugli sviluppi dell'angolo, lo stesso baby mancino irrompe di prepotenza dal limite ma alza troppo la mira. Al 25' è Mormile a rendersi pericoloso: lo "scugnizzo" converge da destra ma calcia sopra la traversa la conclusione col mancino. Rispondono i friulani: Dri salta Bozic al limite ma poi conclude debolmente fra le mani di Zanier.

Non è una partita semplice, ma l'Ism quando riesce ad alzare le cadenze ed innescare i suoi moschettieri sa sempre fare paura: come al 33' quando Grop e Andreolla duettano, con il funambolo veneto che incrocia col destro ma ancora alto sulla trasversale. Poco dopo lo stesso Andreolla lancia sulla corsa Rizza, il cui sinistro attraversa lo specchio e si spegne sul fondo. I tempi per il vantaggio improvvisamente diventano maturi e ci pensa la capoccia dorata di Grop a sbloccare proprio nel momento migliore: e cioè a una manciata di secondi dal riposo. Il centravanti incorna in rete una punizione dalla tre quarti prendendo in controtempo Bortoluzzi.

 Ism che parte con l'atteggiamento giusto anche nella ripresa: al quarto d'ora un cross teso dal fondo di Paravan costringe Bortoluzzi ad anticipare Grop in uscita. Al 22' deciso break di Mormile, che ruba palla a un avversario e dai 20 metri esplode un sinistro violento, ma alto. Brivido per i biancoblù al 27', quando Zanier salva con un riflesso miracoloso sul bel taglio di Casarsa, ma il guardalinee sanziona l'offside. La paura passa poco dopo, quando – indovinate un po' – i soliti Andreolla e Grop duettano fra loro: il centravanti elude il marcatore diretto e indovina l'angolino sul palo lungo: 2-0, decimo centro stagionale per l'ariete. Il pomeriggio di grazia del puntero friulano non è ancora finito: fortunato su un rimpallo che innesca Andreolla, Grop insacca nel cuore dell'area l'ennesimo assist del suo "gemello". Partita in ghiaccio e Gradisca sempre più a suo agio nei panni di regina del campionato.

ISM GRADISCA 3GEMONESE 0

MARCATORI: pt 45', st 30' e 36' Grop

ISM GRADISCA: Zanier (st 32' M.Godeas), Paravan, Chicco, Ghirardo, Corso, Bozic, Mormile (st 28' Bergomas), F.Godeas, Grop, Andreolla (st 41' Lius Della Pietà), Rizza. All.Zoratti.

GEMONESE: Bortoluzzi, Mateuzic, Zucca, Canci, Collinassi, Mini, Casarsa (st 28' Ibraimi, st 41' Saturno), Stampetta, Dalla Torra, Dri, Giorgi (st 21' Rossi). All. Cortiula.

ARBITRO: Vidali di Pordenone

NOTE: ammoniti Stampetta, Andreolli, Grop,· Collinassi

 

DAGLI SPOGLIATOI  Raggiante ma pragmatico Zoratti. "Abbiamo un vantaggio importante, d'accordo, ma guai a chi dice che è la fuga decisiva. Siamo una squadra nuova e pertanto si continuerà a vivere partita per partita, perchè non ci siamo mai trovati in questa situazione e perchè abbiamo ancora tanti aspetti su cui possiamo crescere". Un rito dello spogliatoio prevede che alla ripresa degli allenamenti il trainer offra guantiere di paste alla sua squadra ogniqualvolta la porta rimane imbattuta. Da cinque gare i livelli di saccarosio dalle parti del "Colaussi" sono decisamente alti... "Sono contento della tenuta difensiva, è uno dei fattori che possono farci fare il salto di qualità. Ma oggi bene anche l'approccio alla gara. Sono contento per Grop (approda a quota 11 in classifica bomber ndr) che sta fisicamente molto meglio, e per Andreolla: la loro intesa è diventata determinante". Sorride anche il primo tifoso biancoblù, il patron Franco Bonanno: "Questa squadra fa sul serio – dice - e domenica a Manzano è attesa da un gran premio della montagna molto importante. Comunque vada spero che poi la tensione mentale e l'umiltà rimangano alte: per vincere le grandi corse a tappe bisogna anche sapere affrontare bene anche le discese. Il futuro? La società si sta attrezzando per dare una continuità a quanto questi ragazzi stanno costruendo sul campo".

Ultimo aggiornamento (Sabato 05 Febbraio 2011 16:20)