postheadericon Gradisca ritrova il sorriso, Gerrmani e Loperfido regalano i tre punti all'ISM contro Trieste Calcio

germani

 

ISM GRADISCA 2

TRIESTE CALCIO 0

MARCATORI: pt 45’ Germani, st 28’ Loperfido

ISM GRADISCA Bon (st 30’ Tonon), Turchetti, De Cecco, Loperfido, Pellizzari, Fross, Quattrone, Sirach, Germani (st 45’ Ciani), Campanella, Trusgnach (st 12’ Politti). All. Zoratti (squalificato, in panchina Maschietto)

TRIESTE CALCIO: Franceschin, Pllana, Vouk, Miraglia, Ghedini, De Luca (st 7’ Abdulaj), Madrusan (st 7’ D’Aliesio), Pelengic, Paliaga, Podgornik, Cus. All. Sambaldi

 ARBITRO: Curri di Monfalcone

NOTE: De Luca, Vouk, Miraglia, Ghedini

GRADISCA D’ISONZO Termina al “Colaussi” il lungo digiuno dell’ISM Gradisca. Dopo 4 sconfitte consecutive e i sintomi di una pericolosa involuzione, Campanella e soci regolano il Trieste calcio con una prestazione nuovamente confortante. Due giuliani regolano ... i giuliani: Germani e Loperfido. Formazione confermata per dieci undicesimi per Zoratti, che – appollaiato in tribuna per la squalifica -  recupera Turchetti dal 1’ nel pacchetto arretrato ove conferma anche Fross per l’assenza forzata di Savic. Anche il Trieste calcio è in versione linea-verde, con lo spauracchio Paliaga a guidare l’attacco assieme a Cus. Ospiti insidiosi nella prima fase: Podgornik riprende una corta respinta della difesa, ma calcia a lato graziando Bon. Giuliani ancora intraprendenti all’8’, quando  Pelencig centra per la testa di Cus, che irrompe troppo solo in area ma alza di testa sulla traversa. Ancora il mancino felpato di Pelencig a tenere l’ISM sul chi vive: stavolta sul traversone si avventa Madrusan, la cui mezza girata non impensierisce Bon. I padroni di casa rompono la pressione al quarto d’ora quando Campanella innesca Trusgnach: palla a lato. Poco dopo Turchetti con un traversone teso costringe Franceschin a smanacciare in volo. La sfida è decisamente aperta: al 21’ è Paliaga a sfiorare il montante in diagonale dopo un bel contropiede. Al 26’ sinistro a lato di Quattrone dal limite. Al 35’ gran punizione di Loperfido: respinge Franceschini. Al 42’, ben innescato sul filo dell’offside, Cus grazia Bon calciando sull’estrerno della rete. Un rigore negato (non il primo in questa stagione) a Campanella sembra frustrare il buon rientro in partita dei biancoblu’, ma proprio allo scadere Quattrone pesca rasoterra in area di Germani per il piattone del vantaggio: 1-0 e terzo centro consecutivo per l’attaccante giuliano. Nella ripresa Zoratti si gioca nuovamente la carta Politti, alla seconda presenza dopo il lungo infortunio, avanzando Campanella in prima linea. Il Trieste Calcio si aggrappa ancora a Paliaga (bell’avvitamento sul marcatore e palla che sorvola l’incrocio) e al 22’ quando D’Aliesio salta De Cecco e centra un pallone che è tolto dallo specchio dalla deviazione di un compagno. Al 24’ Abdulaj costringe Bon alla respinta. L’ISM scaccia ogni paura al 28’ quando Loperfido indovina la punizione che dalla trequarti sinistra, carica d’effetto, trafigge Franceschin sul suo palo. I giuliani non riescono piu’ a riaprirla, il campionato dell’Itala puo’ ricominciare. L.M.